Disastro Ferrari: autoscontro al via. Hamilton ringrazia

Potrebbero interessarti anche...

10 risposte

  1. Luca Palma Luca Palma ha detto:

    Diciamo che anche i Ferraristi non hanno proprio fatto la manovra vincente stringendo così…

  2. Mattia Ongaro Mattia Ongaro ha detto:

    sono stati dei pirla tutti e 3 ogniuno ci ha messo del suo…

    • Manlio Cipriani Manlio Cipriani ha detto:

      Il pirla e’ uno solo . . .Vettel

    • Mattia Ongaro Mattia Ongaro ha detto:

      chi e’ davanti ha il diritto ad un cambio di direzione….. diciamo che ha scelto di spostarsi troppo presto…. kimi ha sbagliato perche’ si vede dal video che con la sua gomma posteriore tocca quella anteriore di verstappen e verstappen e’ un pirla perche’ quando ha visto che non aveva spazio per passare e lo stavano chiudendo doveva alzare il piede invece di tenere giu’ dove pensava di riuscire a passare che gli altri avevano gia’ mezza macchina davanti…..

    • Si ha diritto al cambio di direzione quando si é davanti, peccato che Verstappen fosse gia di fianco. Di fatto Vettel lo stava abbattendo come stesse al demolition derby. Se non fosse che per evitare la collisione con Vettel nel frattempo di la c’era Raikkonen. Dire che Verstappen dovesse frenare é un’idiozia.

  3. Manlio Cipriani Manlio Cipriani ha detto:

    Si sono autoeliminati ma pensavano davvero che avrebbero vinto con un Hamilton così . . .

  4. Enrico Cocco Enrico Cocco ha detto:

    Ma come si fa a correre su certe piste?

  5. Stefano Nascimbene Stefano Nascimbene ha detto:

    Una pole buttata nel cesso

  6. Ettore Giovannetti Ettore Giovannetti ha detto:

    Comunque i ferraristi sono riusciti a fermare Verstappen ,un risultato c’è stato.

  7. Sergio Crecchi Sergio Crecchi ha detto:

    La responsabilità maggiore è di Vettel dimostrando anche poca intelligenza o forse troppa paura per un Hamilton così straripante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.